Camp out Storia di Max, il boschettiere

Camp out

Storia di Max, il boschettiere

Anteprima Scarica anteprima
Devonshire, 2020. Un bambino decide di trascorrere un anno intero nella tenda che il suo migliore amico, un vicino settantaquattrenne, gli ha regalato prima di morire, facendogli promettere che con quella tenda avrebbe vissuto un’avventura. La pandemia lo costringe nel giardino di casa, dove allestisce un camp out a chilometro zero, l’unica avventura possibile. Così Max Woosey, a soli dieci anni, ha pro­gettato e compiuto una vera impresa, raccogliendo denaro a favore del North Devon Hospice, associazione che assiste i malati terminali nel Regno Unito. All’inizio di aprile rilascia il suo primo podcast: «Sono in campeggio dal 29 marzo 2020 e proverò a restarci un anno. Il mio amico Rick mi ha regalato la sua tenda prima di morire e mi ha fatto promettere di vivere un’avventura. È quello che sto facendo». Stretto nel suo sacco a pelo, Max ha combattuto contro formiche, zanzare, freddo, solitudine, paura. Ma soprattutto ha tenuto fede a una promessa. Una cosa da uomo, fatta da un bambino, in un mondo popolato da adulti che non sanno più come si fa.

Dettagli libro

  • Editore

  • Testo originale

  • Lingua

    Italiano
  • Data di pubblicazione

  • Numero di pagine

    192
  • Collana

Sull'autore

Cristiana Minelli

Nata a Modena nel 1965, ha lavorato a «Comix» e cenato con Dracula, alias Christopher Lee, nel ristorante del miglior cuoco del mondo. Ha pubblicato diversi libri, fra i quali Il colombo è andato alla toilette e altri racconti (Greco & Greco, 2013), Ascolta le cicale. I diari delle panchine di Central Park (Greco & Greco, 2016) e Come angeli che han messo le ali, favola per la Galleria Nazionale dell’Umbria, illustrata da Bimba Landmann, (Aguaplano, 2019). Convinta che il condominio sia un pa­lazzo narrativo, dirige la rivista «Manzini Magazine». Cura la rubrica di costume Tiri Liberi per la «Nuova Gazzetta di Modena».

Ti potrebbe interessare