Un glorioso fallimento L’eterno presente della Factory Records

Un glorioso fallimento

L’eterno presente della Factory Records

Anteprima Scarica anteprima
Nel 1992, dopo più di settanta artisti e quasi trecento dischi pubblicati, la Factory Records dichiarava bancarotta. I suoi quattordici anni di vita, caratterizzati dalla gestione passionale ed economicamente scellerata dei suoi soci, hanno scandito una storia in cui convivono gli estremi dell’esperienza umana: il fallimento, l’estasi, la morte, l’edonismo. I suoi album hanno fatto storia, le sue grafiche sono finite nei musei e in passerella; è riuscita a trasformare una cupa città industriale dell’Inghilterra settentrionale in un florido centro culturale che aveva il suo cuore nel club Haçienda. Un glorioso fallimento racconta l’epopea e i protagonisti della Factory spulciando il suo catalogo e immergendosi nella sua estetica, camminando per le strade di quella Manchester che ha influenzato l’etichetta ed è cambiata al suo ritmo. La fenomenologia dei Joy Division, gli spot in cui risuona Blue Monday, Kanye West che campiona i Section 25, James Murphy degli Lcd Soundsystem che adora gli Esg, i Biting Tongues che preludevano all’elettronica di Aphex Twin: in queste pagine viene analizzata l’influenza pulsante della Factory nel nostro presente, la genesi del factorysmo, la fascinazione di Virgil Abloh e Raf Simons per la sua musica e le sue copertine. Con una nota di Peter Hook e interviste a Simon Reynolds, David Stubbs, Dave Simpson (Guardian), John Robb (Louder Than War), Toby L (Transgressive), Tim Putnam (Partisan), Simon Raymonde (Bella Union), James Nice (Ltm) e Kevin Cole (Kexp).

Dettagli libro

  • Editore

  • Testo originale

  • Lingua

    Italiano
  • Data di pubblicazione

  • Numero di pagine

    272
  • Collana

Sull'autore

Fernando Rennis

Laureato in Lingue e Letterature Moderne con una tesi sulle influenze di T.S. Eliot nellarte dei Radiohead, Fernando Rennis suona, scrive dal 2009 per testate musicali cartacee e online, è membro della International Association for the Study of Popular Music (Iaspm) e dal 2016 conduce il programma radiofonico This Is Pop?. Ha pubblicato per Arcana Scream and Shout. La storia e la musica degli Arcade Fire (2017) e Politics. La musica angloamericana nellera di Trump e della Brexit (2018).

Ti potrebbe interessare